Friday, February 02, 2007

There but for the grace of God go I

Come disse a metà del cinquecento John Bradford , osservando dalla sua cella un condannato a morte condotto al patibolo:

Lì, non fosse per la grazie del Signore, ci sono io.

Porto all'attenzione di tutti i bloggers:

COMUNICATO STAMPA CS12-2007

BLOGGER EGIZIANO SOTTO PROCESSO. PROSEGUE LA CAMPAGNA DI AMNESTY INTERNATIONAL CONTRO LA REPRESSIONE SU INTERNET

Amnesty International ha chiesto oggi l´immediato e incondizionato rilascio di Karim Amer, il primo blogger egiziano rinviato a processo per aver scritto testi critici nei confronti delle autorita´ religiose dell´universita´ al-Azhar, del presidente Mubarak e dell´Islam.

Amer, ex studente di al-Azhar, rischia fino a 10 anni di carcere per `diffusione di informazioni lesive dell´ordine pubblico e dannose nei confronti della reputazione del paese´, `incitamento all´odio verso l´Islam´ e `diffamazione del presidente della Repubblica´.

`Il processo di Amer sembra avere lo scopo di mettere in guardia altri blogger che osano criticare il governo o usano i loro blog per diffondere informazioni che le autorita´ considerano una minaccia alla reputazione del paese´ - ha dichiarato Malcolm Smart, direttore del programma Africa del Nord e Medio Oriente di Amnesty International. `Siamo in una fase molto pericolosa, poiche´ sempre piu´ spesso i blogger egiziani postano informazioni sulle violazioni dei diritti umani nel paese, come la tortura e la violenza della polizia durante le manifestazioni pacifiche´.

Il processo, che riprende oggi, e´ iniziato il 18 gennaio di fronte al tribunale di Maharram Bek, ad Alessandria. Amer e´ stato incriminato per violazione degli articoli 102, 176 e 179 del codice penale. Amnesty International chiede da tempo al governo del Cairo di abolire queste e altre norme che, in violazione degli standard internazionali, prevedono pene detentive per il mero esercizio dei diritti alla liberta´ d´espressione, pensiero, coscienza e religione.

`Consideriamo Karim Amer un prigioniero di coscienza, processato solo per l´espressione pacifica delle sue opinioni sull´Islam e sulle autorita´ religiose di al-Azhar. Per questo, chiediamo il suo immediato e incondizionato rilascio´ - ha precisato Smart.

Amer era gia´ stato in carcere nell´ottobre 2005, per 12 giorni, sempre a causa dei contenuti del suo blog, karam903.blogpot.com. In quell´occasione, aveva postato commenti sull´Islam e sulla violenza religiosa esplosa nel quartiere di Maharram Bek, ad Alessandria, dopo che in una chiesa copta era stato proiettato un video ritenuto anti-islamico.

Alcuni mesi dopo il rilascio, nel marzo 2006, Amer era stato espulso dall´universita´ di al-Azhar per aver usato `espressioni blasfeme´ nei confronti dell´Islam. In seguito, il 7 novembre, sempre su iniziativa delle autorita´ religiose dell´universita´, il pubblico ministero di Maharram Bek aveva ordinato il suo arresto, fino all´apertura del processo. Durante il periodo di detenzione, Amer e´ rimasto in isolamento e ha potuto vedere i suoi familiari solo la settimana scorsa.

Quello di Karim Amer e´ uno dei tanti casi di prigionieri di coscienza incarcerati solo per aver esercitato, attraverso Internet, il diritto alla liberta´ d´espressione. In loro favore, Amnesty International ha lanciato la campagna mondiale irrepressible.info. Nell´ambito di questa campagna, la Sezione Italiana ha diffuso in questi giorni un nuovo rapporto, intitolato `La rete che cattura´, nel quale denuncia tra l´altro la collaborazione di Yahoo!, Microsoft e Google nella repressione del dissenso in Cina.

FINE DEL COMUNICATO Roma, 1 febbraio 2007

Per ulteriori informazioni, approfondimenti e interviste:Amnesty International Italia - Ufficio stampaTel. 06 4490224 - cell. 348-6974361, e-mail: press@amnesty.it

********************************************************************************

As John Bradford famously remarked in the mid-1500s while he sat in his cell watching a condemned prisoner going to his execution:

There but for the grace of God go I.

For information in English on the trial of KARIM AMER, an Egytpian blogger, you can go here and here. Please take the time.

Labels: , , ,

6 Comments:

At 10:19 AM , Blogger Antonio from Italy said...

Su un argomento simile ci avevo fatto un post sul mio blog il 20 settembre del 2005
http://ancatdubh.splinder.com/post/5771857/

 
At 11:03 AM , Blogger Bhuidhe said...

Grazie della segnalazione! E sai cosa? Mo' ti linko. Tiè! :-)

 
At 11:21 AM , Blogger Antonio from Italy said...

Ricambio al volo!
E' un onore, grazie mille :-)

 
At 1:44 PM , Blogger Assu said...

Credo che ogni commento sarebbe banale.

Mi limito a citare Voltaire:

"Non condivido la tua opinione, ma morirei per difendere il tuo diritto di esporla.".

Libertà, democrazia, libero pensiero...parole "qui da noi" abusate, inflazionate, che si volgarizzano e perdono il loro significato essenziale, così distogliendoci dalla loro reale importanza.

 
At 2:07 PM , Blogger Assu said...

INTERESSANTE constatare come ciò che pensiamo sia la somma di tanti pensieri e sia stato già pensato da altri. Per esempio, sono andata a leggere il post di ANTONIO (peraltro molto interessante), poi ho dato un'occhiata al suo ultimo post e...sorpresa parla dei sette peccati capitali. Proprio stamattina ne volevo postare uno simile.
;-)

 
At 3:23 PM , Blogger angelo said...

Se uno si permette di criticare governo e religione di stato in Egitto (o in Cina, o...) sa benissimo di andare incontro alla repressione, più o meno feroce. Quindi il suo è un atto politico, in nome dei diritti civili che gli vengono negati, ovviamente in molti altri campi. Per questo è giusto sostenerlo e difenderlo, perché la sua lotta è anche per noi.

 

Post a Comment

Subscribe to Post Comments [Atom]

<< Home