Monday, March 26, 2007

All things conspire, all things expire




All'inizio tutto fu una cosa sola.

Alla fine tutto sarà una cosa sola.

In mezzo ci sta la differenza. Ma tutto si uniforma nella sua corsa verso il nulla.

**************************************************************************

In the beginning everything was one.

In the end all will be one.

In the middle is difference. But everything, in its race towards oblivion, tends to uniformity.

8 Comments:

At 5:10 PM , Blogger Antonio from Italy said...

Non ho mica capito che cosa c'è nella foto...
Comunque quel che hai scritto è verissimo, si parte da un punto, si arriva ad un punto, in mezzo tante vie che fanno un solo capolinea.

 
At 6:45 PM , Blogger Bhuidhe said...

E' spazzatura varia accanto alla ferrovia; ormai tutto, tranne i fazzoletti recenti, ha preso il colore della ferrovia, così che appunto, non si distingue più nulla.

 
At 12:01 AM , Blogger DeCaDe said...

Mh... però Margherita Hack l'altra sera ha detto che forse non è proprio così...

:-)

DeCaDe

 
At 8:58 AM , Blogger Bhuidhe said...

DeCa: Cosa ne capisce una dilettante come Margherita Hack? ;-))

 
At 10:19 PM , Blogger angelo said...

Il fatto che ogni cosa si stia uniformando, è sinonimo della diminuzione dell'entropia, e secondo la tua affermazione, anche una misura del tempo che sta per finire...

La ferrovia è quindi in realtà non un deposito di spazzatura (ci passano anche i treni, ogni tanto?) ma un segreto indice entropico, che da qui ad alcuni miliardi di anni scandirà il tempo dell'indifferenziamento generale....

 
At 10:22 AM , Blogger Bhuidhe said...

E pensare che si prova a differenziare la raccolta della spazzatura con tanto di bidoni colorati.. ma alla fine.. Forse vedere soltanto la spazzatura in giro è tutto soltanto sintomo di una mia implosione interiore, persino un edicolante mi ha aggredito all'innocua domanda "posso avere una scheda per il parcheggio per favore?" Forse ho bisogno di un po' di time out! :-)

 
At 2:31 PM , Blogger ASSU said...

In mezzo c'è la differenza. E quella la facciamo noi.
Quell'immondizia non si uniformerà mai. Ciò che è degradabile forse tornerà alla natura, ma il resto rimarrà migliaia di anni, quando il ferro del binario sarà solo il ricordo di una cartolina ingiallita.

 
At 10:23 AM , Blogger Bhuidhe said...

Mah. Non credo ci sarà ancora una pianeta terra tra migliaia di anni. Sarà ridotta ai moleculi che era in principio. Non vivrà la sua naturale vita, sarà stroncata poco oltre alla metà.

 

Post a Comment

Subscribe to Post Comments [Atom]

<< Home