Saturday, November 03, 2007

A Voice from Death Row

Quando, pochi giorni fa, ho ricevuto una email da Amnesty International USA intitolata "Una Voce dal Corridoio della Morte", ho aspettato una giornata intera prima di aprirla. Non volevo fosse l'ennesimo appello fallito, esecuzione avvenuta.

E invece, vi faccio leggere ciò che ho trovato. Per chi non legge l'inglese, racconta che grazie ai firmatari dell'appello per fermare la sua esecuzione, Troy Davis è ancora vivo, ha ancora una possibilità di farcela. Anche se io credessi fosse colpevole, avrei firmato lo stesso l'appello, magari con tristezza, senza un particolare senso di soddisfazione, ma il fatto è che io non credo che Troy Davis sia colpevole di omicidio. I motivi sono elencati nella lettera sotto.

- mancanza di prove
- mancanza dell'arma del delitto
- le uniche prove erano testimonianze, 7 dei 9 testimoni o hanno ritirato la testimonianza oppure non sono credibili perché contradittori
- diversi testimoni hanno parlato di pesanti pressioni subite dalle forze dell'ordine
- il principale testimone contro Davis è anche l'altro sospetto principale, esistono 9 testimonianze che questo individuo ha sparato il colpo fatale

Vi prego, quando qualcuno cerca di sgridarvi perché i vostri orizzonti sono troppo in là, perché possiamo agire soltanto nelle vicinanza immediate, perché è una perdità di tempo alzare le aspettative dei propri poteri, ricordatevi della lettera che cito sotto. Lo so, lo so, che è un cliché terribile, ma l'oceano è fatto di gocce.

***********************************************************************************

Dear Jane
Because of you, Troy Davis is still alive today.

Last July, despite strong evidence of his innocence, Troy Davis came within 24 hours of execution by the state of Georgia. Thanks to the 34,000 individuals who sent appeals, Troy was granted a 90-day stay. The Georgia Supreme Court will decide if Troy gets a new trial and an opportunity to finally present evidence that has never been heard in court.

There was no physical evidence against Troy Davis.
The weapon used was never found.
The case against him consisted entirely of witness testimony.
7 of the 9 non-police witnesses have recanted or contradicted their testimony.
Many of these witnesses have stated that they were pressured or coerced by the police. One of the witnesses who has not recanted is the principle alternative suspect.
Nine individuals have signed affadavits implicating this suspect as the actual shooter.


Troy Davis has never had a hearing in federal court on the reliability of the witness testimony used against him. Troy's life was temporarily spared, yet the possibility of his execution still remains if he is not granted a new hearing or trial.

Together, we´ll send a strong message to the Georgia authorities that when it comes to the death penalty, fairness matters.
In solidarity,
Larry Cox
Executive Director

Labels: ,

6 Comments:

At 9:33 PM , Blogger angelo said...

Confesso Jane che sono anch'io uno di quelli che si scoraggiano quando degli obiettivi sembrano troppo lontani ed irraggiungibili. Così faccio la mia offerta per Amnesty ed Emergency ma difficilmente aderisco ad iniziative che non abbiano carattere di urgenza, il che vuol dire in pratica che non siano fortemente spinte dalla pubblicità.

Lo faccio per pigrizia mentale, non perché pensi che in qualche caso si possa derogare ai propri principi fondamentali... Così come sono arrivato a non credere più in alcuna ideologia, sono sempre più convinto che sia il granello di sabbia a formare la spiaggia che poi contiene la forza immensa del mare.

E allora? Allora niente, bisogna andare sempre avanti, come fai tu. Quello che volevo dirti è che esiste almeno un altro aspetto di cui devi essere contenta, oltre alla soddisfazione per aver dato una chance in più a qualche persona e avere contribuito a migliorare di un poco il tasso di civiltà su questo pianeta; quello di avere dato una spinta a persone come me per fare un altro passo, non abbandonare la speranza, dare una mano. E siamo in tanti.

 
At 9:46 PM , Blogger Bhuidhe said...

Angelo: credo che la vita chiede molto alle persone in termini di tempo. Anche se una persona si accontenta di agire nel proprio vicinato (e sono d'accordo, e lo faccio, e ammiro chi ottiene risultati per gli altri intorno a sè) non ha sempre il tempo per fare la crociata, la battaglia.

Però penso che a volte si può dare una mano, facendo poco, a chi si dedica per noi a queste cose. Che sia il guerriero locale, che sia Larry Cox o Gino Strada, la mia firma, la tua offerta, fanno la differenza.

Non bisogna magari compiacersi e sentirsi "eroi" perché si scrive una lettera o si firma una petizione, ma da la giusta carica, la giusta spinta contro la rassegnazione e il cinismo, due nemici sempre in agguato, quando senti che in minuscola parte quel piccolo gesto ha ottenuto qualcosa di grandiosa come la speranza di una vita.

A volte sono anch'io cinica: non ho partecipato per niente al low energy day quando in tanti hanno cenato al lume di candela. So che ci sono dei problemi ambientali gravissimi, e faccio ogni giorni scelte in questo senso, non sarà una divertente serata con gli amici a salvare il mondo ma una botta in testa seguita da una visione celestiale che fa cambiare idea George W et al.

Ma una vita da salvare è urgente, e qualcosina si può fare.

 
At 8:26 AM , Anonymous BiancaC said...

comunque sia, sempre, la pena di morte è un crimine e si deve combattere perché sia eliminata dove ancora esiste.

 
At 11:48 AM , Blogger Bhuidhe said...

Biancac: totalmente d'accordo. Co sono momenti che darei una badillata in testa a qualcuno, ma non per questo accetto la morte a sangue freddo come strumento di giustizia.

 
At 10:06 AM , Blogger Antonio from Italy said...

Ma questa famosa moratoria che stava per essere accetata e che nel frattempo aveva fermato il boia già alcune volte negli USA, questa volta non ha funzionato?

 
At 12:59 PM , Blogger Bhuidhe said...

Antonio: Davis ha ottenuto la moratoria temporanea dell'esecuzione, ma rimane la condanna. C'è bisogno urgente che si riapra il caso e si rifa il processo. Se risulta che è colpevole senza ombra di dubbio ci sarà una nuova condanna (ovviamente mi auguro non la morte) e se viene assolto deve essere immediatemente rilasciato e risarcito.

 

Post a Comment

Subscribe to Post Comments [Atom]

<< Home