Thursday, September 11, 2008

11 settembre

Giocare con le vite degli altri, decidere che sono un sacrificio necessario per il bene più vasto, cioè quello che vuoi tu. Megolomania comune.
La fine giustifica i mezzi.
Quanti lo hanno sostenuto?
Meno di chi ha pagato, sempre meno di chi ha pagato.

4 Comments:

At 2:38 PM , Blogger Alberto said...

PRIMOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO...
:-D

Sei per la tesi dell'Inside job, mi sembra di capire. ;-)
Può essere, può essere...

Ma quei morti sono morti e meritano rispetto.

Un abbraccio requiem*

* senza sorriso, per rispettoso lutto.

 
At 3:05 PM , Blogger Bhuidhe said...

Alberto: onestamente credo sia più probabile che ci sia Bin Laden dietro, e poi che ci siano state prese delle decisioni da "inside job", per esempio quella di demolire la seconda torre.
Ma che sia Bin Laden o che sia qualche demente deviato segmento dei servizi segreti il responsabile, sono sempre i soliti fessi, gente comune, pezzi piccoli, persone che vanno avanto con le loro piccole vite, a pagare la megolomania e lo psicosi di pochi.
Come un'altro 11 settembre, quello nel Cile, dove la democrazia è stata stracciata ed è incominciato un incubo.
Un abbraccio a te.

 
At 9:52 PM , Blogger angelo said...

Fai un ragionamento che secondo me è l'unico possibile, ed è anche quello di emergency: tutte le persone che soffrono a causa delle guerre sono vittime, senza distinzione di nazionalità o censo. naturalmente, come da sempre succede, in guerra (ma anche a fare i lavori sporchi e pericolosi) ci va solo la povera gente, quella che deve lavorare per vivere. Gli altri le guerre le comandano e le ordinano.

Non ci sono guerre moralmente giuste o guerre "preventive" che possano essere giustificate, questo è quello che gli americani dovrebbero far capire al maiale con il rossetto e capire loro stessi una volta per tutte.

Tra l'altro la battuta di Obama è bruttissima e gli farà perdere voti, ma io non riesco a pensare a sinonimo più calzante di maiale per la Palin, con tutto il rispetto per i suini, naturalmente.

 
At 11:08 AM , Blogger Bhuidhe said...

Angelo: provochi la domanda, ma chi è che veramente vince una guerra?

 

Post a Comment

Subscribe to Post Comments [Atom]

<< Home